Wellington contro Massena  
     

Il Portogallo era all'epoca un paese interessato solo l'attività commerciale e con un alleato storico come Inghilterra. Non era in grado di realizzare il blocco continentale che la Francia di Napoleone pretendeva imporre alle navi inglesi. Dalla dichiarazione di guerra all’invasione il passo fu breve.

L'esercito francese invase il Portogallo in 3 occasioni, e la battaglia di Bussaco del 27 settembre 1810 segna l'inizio della fine della guerra, imponendo grandi perdite ai francesi con perdite minori per i portoghesi e britannici.

 
     
 

Con lo sbarco delle truppe a Figueira da Foz, Wellington ei suoi uomini, organizzarono una linea difensiva a Bussaco, e distrussero tutti i ponti sul fiume Mondego, in modo da costringere l'esercito francese a conquistare la posizione di Bussaco, al fine di arrivare a Coimbra e Lisbona

 

 

Massena era a capo di tre divisioni, con un totale di 65.500 uomini e 114 cannoni. L'esercito di Wellington era composto da sette divisioni e 60 cannoni e constava di 26.843 soldati britannici e 25.429 portoghesi, ben posizionati sulla cresta del monte Bussaco.

.
 
     

 

Informato dall’intelligence francese che una fitta nebbia era (ed ancora è) comune a settembre in quella zona, Massena contava su questo fatto per superare il vantaggio delle linee difensive degli alleati, a causa della impossibilità di utilizzo dell’artiglieria e permettendo all'esercito francese di risalire la collina senza essere visto.

Il suo genio militare quasi riuscì contro il piano meticoloso di difesa di Wellington: ma la nebbia si dissipò troppo presto la mattina, e i soldati britannici e portoghesi furono in grado di aprire il fuoco ancora una volta dalla cima della collina.

     

L'esercito di Massena lanciò solo semplici attacchi frontali durante il 27 settembre, non arrecando quasi alcun danno oltre la linea difensiva, prima di ritirarsi e di trovare un percorso alternativo a Coimbra, alla fine della giornata.

L'evacuazione di Coimbra e la conquista francese della città ebbe luogo con un solo giorno di ritardo rispetto a quello pianificato dall'esercito francese. ma le gravi perdite subite durante la battaglia di Bussaco si sarebbero rivelate determinanti nelle battaglie successive.

L’ “attacco e fuga” a Bussaco era l'unica strategia possibile degli alleati, contro ciò che era il più importante dell'esercito continentale del mondo.

Molto di più può essere detto a proposito della battaglia:
- Vi erano soldati portoghesi, (Jacobines), in servizio nell'esercito francese;
- A causa delle ferite molti soldati sono rimasti in zona ed hanno sposato ragazze locali, lasciando una grande eredità genetica nella zona;
- Il "Chanfana" (uno dei piatti più famosi del centro del Portogallo), si dice che sia un'invenzione francese.

 

     
 

Dopo aver inflitto un danno al suo nemico con costi limitati per le proprie forze, Wellington riprese la sua ritirata verso le difese nelle colline di Torres Vedras, dove fu finalmente in grado di fermare l'esercito francese durante l'inverno del 1810.

Il genio di André Masséna non fu sufficiente contro il piano logico e razionale di difesa di Sir Arthur Wellesley (duca di Wellington).